Risparmio energetico

Questa schermata consente al tuo monitor di risparmiare energia. Clicca ovunque per tornare alla navigazione.

BNL e SIMEST insieme per sostenere l’internazionalizzazione delle imprese italiane

BNL e SIMEST hanno supportato Rossini Spa impegnata a creare in India una nuova società del Gruppo, leader nel settore dei rulli per le stampe da imballaggio.

20 gennaio 2014

Il Gruppo Rossini, azienda lombarda leader nella progettazione e realizzazione di rulli e matrici per la stampa degli imballaggi, ha costituito una nuova società sussidiaria in India con 4 milioni di euro di capitale, finanziati da BNL e SIMEST.

BNP Paribas Mumbai, in collaborazione con BNL, ha assistito la Rossini direttamente sul posto per tutte le esigenze connesse all’operazione e proseguirà nella sua attività al fianco della nuova Società per supportarla nello sviluppo del business.

«Poter contare sul supporto finanziario e sulle competenze delle istituzioni e di una banca internazionale - ha detto Felice Rossini, Presidente della Rossini Spa - rappresenta un fattore abilitante concreto ed efficace per agevolare la crescita delle aziende italiane, e in particolar modo delle medie imprese, e per far conoscere nel mondo, sempre di più, la qualità e l’innovazione del Made in Italy»

BNL e SIMEST rinnovano l'accordo finalizzato a sostenere le imprese italiane nella realizzazione di progetti sui mercati internazionali

La partnership - firmata da Fabio Gallia, Amministratore Delegato di BNL e Responsabile del Gruppo BNP Paribas per l’Italia, e da Massimo D’Aiuto, Amministratore Delegato e Direttore Generale di SIMEST - rappresenta un’ulteriore conferma dell’impegno, comune alla Banca e alla Società, per affiancare gli imprenditori nell’operatività in paesi esteri e favorirne la crescita internazionale attraverso l’esperienza, le competenze e la professionalità di BNL e SIMEST.

L’accordo punta, inoltre, a sensibilizzare gli imprenditori - anche attraverso specifiche attività di formazione - sulle opportunità di una crescita all’estero delle loro imprese, stimolando la progettazione e definizione di piani di sviluppo internazionale.

«L’industria italiana - ha affermato Fabio Gallia - è in grado di esprimere eccellenze nei più diversi settori produttivi e la presenza delle nostre aziende nel mondo rappresenta non solo un’opportunità di business, ma un valore per l’economia e lo sviluppo di tutto il Paese. BNL Gruppo BNP Paribas, anche attraverso accordi come quello siglato oggi con SIMEST, si pone come partner degli imprenditori, “accompagnandoli” nei mercati globali, con il sostegno del Gruppo, presente in circa 80 Paesi».

«Attraverso questo accordo – ha commentato Massimo D’Aiuto – vogliamo sostenere le imprese italiane che intendono operare nei paesi ancora in crescita per incrementare la loro presenza, ma anche in Italia per lo sviluppo produttivo e l’innovazione, e in Europa dove possono, attraverso le acquisizioni, guadagnare quote di mercato.

Grazie alla presenza capillare di BNL in realtà territoriali nelle quali sono presenti imprese di eccellenza, le aziende possono quindi contare su un valido punto di riferimento dove trovare assistenza e consulenza anche sui nostri strumenti e servizi integrati».

BNL supporta le imprese internazionalizzate ed export oriented grazie a gestori dedicati e team di specialisti di prodotto con competenze specifiche sui temi dell’internazionalizzazione. Ad oggi, più di 2mila imprese italiane affidano a BNL l’operatività delle loro filiali estere potendo contare sulla rete dei “Multinational Desk” di BNP Paribas, strutture create nelle banche partecipate o filiali del Gruppo, presenti in tutto il mondo.

BNL, inoltre, è attiva anche attraverso i “Trade Center” - a Roma, Milano, Bologna, Firenze e Napoli – che offrono agli imprenditori una piattaforma di prodotti, servizi e soluzioni per l’interscambio con l’estero.

SIMEST, dal 1991 ad oggi, ha deliberato 1.279 progetti di partecipazione in 92 paesi, per circa 28 miliardi di euro di investimenti. Per quanto riguarda gli incentivi alle imprese, i progetti sono 6.122 per oltre 58 miliardi di euro di finanziamenti.

Stampa