Risparmio energetico

Questa schermata consente al tuo monitor di risparmiare energia. Clicca ovunque per tornare alla navigazione.

L’immagine ritrovata: dopo Hong Kong con Simest anche a Parigi

SIMEST ha aperto il mercato francese a L’immagine Ritrovata, laboratorio bolognese vincitore di premi internazionali per il restauro dei fil d’epoca (a settembre 2016 il Leone d’Oro). 

15 luglio 2016

SIMEST, società per l’internazionalizzazione delle imprese italiane del Gruppo Cdp, apre il mercato francese a L’immagine Ritrovata - laboratorio bolognese leader internazionale nel restauro di film d’epoca.

E’ stato siglato dall’Ad di SIMEST, Andrea Novelli, da Davide Pietrantoni, Amministratore Unico de L’Immagine Ritrovata Srl, e da Gian Luca Farinelli, Direttore della Cineteca di Bologna, un contratto attraverso il quale SIMEST acquisisce il 49% della società di diritto francese L’Image Retrouvèe, promossa dalla capogruppo italiana.

L’operazione, che rappresenta per SIMEST un investimento di circa 200mila euro, avviene nell’ambito dell’aumento di capitale e ha l’obiettivo di finanziare l’allestimento di un laboratorio di restauro di materiali cinematografici per il mercato d’Oltralpe.

La Francia rappresenta da sempre uno dei mercati di riferimento per L'Immagine Ritrovata (20-25% del fatturato annuale degli ultimi esercizi), grazie soprattutto all'intervento statale di finanziamento delle attività di restauro cinematografico, che lo rende particolarmente solido e maturo.

Con l’accordo siglato oggi L’Immagine Ritrovata fa il suo secondo passo verso l’internazionalizzazione e ancora una volta sceglie di farlo con SIMEST: nel 2014, l’azienda bolognese ha intrapreso il suo percorso di sviluppo all’estero con la costituzione - insieme alla società del Gruppo CDP - de L’Immagine Ritrovata Asia Ltd di Hong Kong (Cina), che svolge le prime attività di restauro nel mercato asiatico.

L’Immagine Ritrovata

L’Immagine Ritrovata è stata fondata nel 1992 da uno spin-off della Fondazione Cineteca di Bologna (100% Comune di Bologna). L’azienda ha vissuto una crescita costante e, tra il 2004 e il 2015, il volume d’affari è decuplicato. Vincente si è rivelato il connubio digitalizzazione-competenze artigianali: grazie agli investimenti in innovazione tecnologica dei processi di restauro e nella formazione del personale,

L’Immagine Ritrovata è divenuta nel corso degli anni leader per il restauro di pellicole cinematografiche a livello internazionale e rappresenta ormai un punto di riferimento globale per le metodologie sviluppate e per l’eccellenza nei risultati ottenuti.

Riconoscimenti internazionali

Focal Award, il più importante riconoscimento internazionale per il restauro cinematografico, è stato vinto per tre anni consecutivi - tra il 2013 e il 2015 – per film restaurati presentati in anteprima mondiale al Festival del Cinema di Cannes e al Festival Internazionale del Cinema di Berlino.

Sempre negli ultimi tre anni è stata premiata al Festival del Cinema di Venezia:

  • nel 2013 per La proprietà non è un furto (Elio Petri, Italia/Francia, 1973)
  • nel 2014 per Una giornata particolare (Ettore Scola, Italia/Francia, 1977)
  • nel 2015 per il restauro di Salò o le 120 giornate di Sodoma (Pier Paolo Pasolini, Italia, 1975).

 

Stampa