Risparmio energetico

Questa schermata consente al tuo monitor di risparmiare energia. Clicca ovunque per tornare alla navigazione.

Copia di Simest partecipa ai progetti di 6 imprese italiane in Cina, India, Malesia Usa e Turchia

Chiusa l’operatività pre-estiva con un rush finale: una nutrita serie di operazioni di acquisizione con l’obiettivo di rafforzare la competitività sui mercati dei partner nazionali.

5 agosto 2016

SIMEST, società per l’internazionalizzazione delle imprese italiane del Gruppo Cassa depositi e prestiti, chiude l’operatività pre-estiva con un rush finale, firmando nella prima settimana di agosto una nutrita serie di operazioni di acquisizione di partecipazioni estere che hanno l’obiettivo di ampliare il volume d’affari e rafforzare la competitività sui mercati di Cina, India, Malesia, USA e Turchia di 6 imprese italiane partner. L’impegno di SIMEST è pari complessivamente a circa 12 milioni di euro.

Le barre di acciaio della Cogne di Aosta per il mercato automotive cinese

SIMEST sottoscrive per 2,8 milioni di euro l’aumento di capitale sociale nella Cogne Hong Kong, già in portafoglio dal 2013 (14,3%). L’azienda cinese fa parte del Gruppo Cogne Acciai Speciali di Aosta, uno degli operatori di riferimento nel panorama siderurgico italiano ed europeo: l’obiettivo dell’aumento di capitale della controllata cinese è potenziare – attraverso nuovi investimenti in asset tecnici - la produzione di barre inox e barre in acciaio per valvole di motori a combustione interna per il settore automotive locale. Il progetto genererà anche ricadute positive sullo stabilimento Italiano di Aosta che produce componenti destinate alla trasformazione per il mercato locale da parte della Cogne Hong Kong.

Per il Gruppo Cogne Acciai Speciali, che impiega circa 1.300 addetti (di cui 1.000 nello stabilimento italiano), l’operazione rappresenta un ulteriore step nel percorso di rafforzamento competitivo internazionale intrapreso con SIMEST sin dagli anni ’90, che ha portato l’azienda valdostana a svilupparsi anche in Brasile, Ungheria, Korea, Turchia e Cina.

Il Gruppo Cogne Acciai Speciali opera in particolare per i settori automotive (sistemi di iniezione elettronica), oil&gas (impianti di esplorazione/trivellazione), mechanical engineering (progetti infrastrutturali), energy (realizzazione di turbine per centrali termoelettriche e idroelettriche).

In Malesia le turbine per la geotermia dell’italiana Exergy

SIMEST partecipa con 4,2 milioni di euro all’aumento di capitale sociale della Geo Investment Holding Inc, società controllata da Exergy S.p.A. (51%) e partecipata da SIMEST già dal 2015 (49%). L’aumento di capitale è finalizzato a sostenere un investimento diretto per la realizzazione di un impianto geotermico di 36 MW in Malesia.

Il progetto prevede un coinvolgimento diretto di Exergy in qualità di partner tecnologico per la fornitura delle turbine e sistemi ORC (organic Rankine cycle), oltre che dei servizi di Operation & Maintenance dell'impianto geotermico.

Exergy SpA, con sede operativa vicino a Varese, è un'azienda leader a livello mondiale nello sviluppo, progettazione, realizzazione di impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, inclusa la geotermia, che utilizzano la tecnologia proprietaria della Turbina Radiale Centrifuga. Questa particolare turbina garantisce una maggiore efficienza, flessibilità di utilizzo e semplicità manutentiva rispetto alle altre tecnologie in commercio nel suo mercato di riferimento.

Dal 2011 EXERGY è parte del Gruppo Industriale Maccaferri, attraverso la holding S.E.C.I. che dal 1949 ha intrapreso un progetto di sviluppo, in una logica di diversificazione, in molteplici settori tra cui metallurgico - ambientale (41%), alimentare - saccarifero (30%), meccanico (10%), immobiliare (2%), energia (9%), tabacco (8%).

Il Gruppo dà lavoro a oltre 4.600 persone in Italia e nel mondo. SECI ha con SIMEST una storica collaborazione in diversi ambiti, con partnership azionarie in numerosi progetti di investimento del Gruppo in Brasile, Russia, Albania, Filippine, Cina e, indirettamente, in Giordania

OLCI va in India: da Torino a Pune per l’automotive

SIMEST costituisce con la OLCI Engineering di Torino la OLCI Engineering India. L’impegno di SIMEST è pari a circa 0,6 milioni di euro, che corrisponde al 20% del capitale della nuova azienda.

OLCI Engineering India gestirà, di concerto con la casa madre italiana, un opificio industriale nella regione del distretto industriale di Pune, nel quale verrà sviluppata l’intera filiera di produzione di linee industriali al servizio dei principali attori locali del mercato automotive.

La partecipazione di SIMEST si inquadra in un contesto di affiancamento istituzionale allo sviluppo internazionale di OLCI, realtà di medie dimensioni ma con elevato standing nel mercato di riferimento.

OLCI opera prevalentemente per il settore automotive, e annovera tra i suoi clienti FCA, Maserati, Audi e CNH Industrial. La società, recentemente, sta inoltre sviluppando anche soluzioni tecnologiche nel settore railway per conto di Alstom, affermato cliente di caratura mondiale nella produzione di treni.

I flaconi della Serioplast di Bergamo vanno in Turchia

SIMEST acquisisce per 2,2 milioni di euro il 29% del capitale sociale della Serioplast Turchia, nuova società costituita dalla Serioplast di Bergamo. L’azienda sarà attiva nella produzione di flaconi in plastica, prevalentemente indirizzati a fornire il cliente Unilever, che sta costruendo un nuovostabilimento nella stessa località per servire il crescente mercato locale.

Serioplast è attiva dal 1974 nella produzione flaconi in plastica rigida personalizzati nel mercato dei beni di consumo di massa per le maggiori marche multinazionali (tra cui Unilever, Procter&Gamble, Henkel, Johnson&Johnson e Coca-Cola).

Fa parte della Old Mill Holding, che impiega oltre 1.100 addetti nel mondo e che fornisce un servizio completo ai propri clienti attraverso le società del Gruppo: dalla progettazione e realizzazione di stampi (Seriomould) e di macchinari per estrusione e soffiaggio (Seriomac) al riempimento su larga scala (Farmol).

Il cambio della Meccanica Finnord di Varese sulle auto cinesi

SIMEST acquisisce per circa 500mila euro una quota pari al 16% della Finnord Suzhou Auto Parts, costituita dalla Meccanica Finnord di Luino (Varese) presso il Wuzhong Development District di Suzhou, in Cina.

L’attività principale della Finnord Suzhou è la produzione e commercializzazione di componenti di alta precisione ricavati da iniezione in plastica e costampati in plastica/metallo che vedono la loro utilizzazione nelle scatole cambio per il settore automotive.

Il potenziamento si pone come obiettivo l’implementazione di nuove linee per la produzione di tubi idraulici per impianti freno e frizione in modo da incremento la gamma prodotti e la capacità produttiva sia per il mercato cinese che export.

La Meccanica Finnord, già Meccanica Piccinali, è operativa dagli anni 50 nell’attività di progettazione, produzione e commercializzazione di raccorderia idraulica e tubazioni in gomma/metallo destinati ai settori automobilistico ed industriale.

La tecnologia digitale italiana di Doxee in USA

La tecnologia digitale italiana di Doxee in USA. SIMEST acquisisce per circa 1,2 milioni di euro il 49% di Doxee USA, controllata statunitense di Doxee Spa. La Doxee USA ha sede operativa a Fort Lauderdale ed è focalizzata sulla proposizione innovativa di servizi di CCM attraverso una rete di Partner sia in US che in Latam, EU e APAC.

Obiettivo dell’operazione è rafforzare la presenza sul mercato americano che è particolarmente ricettivo per l’offerta Doxee e rappresenta un volano per lo sviluppo internazionale di tutto il gruppo, garantendo importanti ritorni in termini di fatturato e volume d’affari per la capogruppo Doxee S.p.A..

La Doxee Spa è una realtà che opera da 15 anni nel settore ICT specializzata nella gestione in cloud della dematerializzazione dei processi documentali e dell’intero ciclo della comunicazione con particolare attenzione ai nuovi strumenti di Customer Engagement quali documenti interattivi e video personalizzati. 

 

Stampa